L’italia difende il turismo

italia turismo
Le città italiane approvare misure per proteggere se stessi da massa visite. Firenze manguerazos per le scale, in modo che non si sente, e a Roma, di limitare le visite a Fontana di Trevi.

“Sei in un paese meraviglioso”, ricorda il regolare manifesti installato sulle autostrade italiane. L’arte, la gastronomia, la storia, i paesaggi, il clima… sono solo alcune delle armi di base di una nazione che dovrebbe avere onori nell’arte di promozione. Secondo i dati dell’associazione dei datori di lavoro Confturismo, l’anno scorso hanno visitato l’Italia più di 56 milioni di stranieri. Non è qualcosa di esclusivo per il Bel Paese, ma probabilmente è la testa in termini di numero di città che già muoiono di successo.

Colosseo

Colosseo
L’ultima difesa contro l’invasione è stata a Firenze, attraverso il tubo verso il basso preventiva. Il municipio della capitale della toscana ha deciso di irrigare con acqua e sapone per le scale di piazze e chiese, per il turista di non essere in grado di stare in loro. “Vogliamo evitare che le persone che mangiano, bevono, e di terreno, la strada come se si fosse in un ristorante. Non abbiamo intenzione di essere duro con le multe, ma preferiamo misure che sono più amichevole, che riteniamo possano essere efficaci”, ha detto il sindaco Dario Nardella.

 PATRIMONIO
Ismael Monsone Roma
“Sei in un paese meraviglioso”, ricorda il regolare manifesti installato sulle autostrade italiane. L’arte, la gastronomia, la storia, i paesaggi, il clima… sono solo alcune delle armi di base di una nazione che dovrebbe avere onori nell’arte di promozione. Secondo i dati dell’associazione dei datori di lavoro Confturismo, l’anno scorso hanno visitato l’Italia più di 56 milioni di stranieri. Non è qualcosa di esclusivo per il Bel Paese, ma probabilmente è la testa in termini di numero di città che già muoiono di successo.
L’ultima difesa contro l’invasione è stata a Firenze, attraverso il tubo verso il basso preventiva. Il municipio della capitale della toscana ha deciso di irrigare con acqua e sapone per le scale di piazze e chiese, per il turista di non essere in grado di stare in loro. “Vogliamo evitare che le persone che mangiano, bevono, e di terreno, la strada come se si fosse in un ristorante. Non abbiamo intenzione di essere duro con le multe, ma preferiamo misure che sono più amichevole, che riteniamo possano essere efficaci”, ha detto il sindaco Dario Nardella.

Palazzo Pitti

Dal concistoro sottolineare che lo studio di altre misure di questo tipo a vivere con la fugace ospite della Galleria degli Uffizi o il David di michelangelo. Firenze, a circa 90 km dal mare, è di interrompere il tradizionale crociere sul Mediterraneo, che ogni anno riceve più di nove milioni di turisti. Associazioni come la Società italiana per la Protezione dei beni Culturali in guardia che il patrimonio “non è un usare e gettare”, ma necessita di “sicurezza e protezione”.

Palazzo Pitti

Il presidente del collettivo, Roberto Conforti, del parere che “il turismo di massa crea problemi”, e non rappresenta sempre un mana, dal momento che “aumenta la necessità per la sorveglianza di alcuni servizi che sono sensibili località, tra cui i siti archeologici non può essere installato o minacciare il valore dell’ambiente in caso di loro realizzazione”. Il collettivo, che ha due anni di storia –prima di compagnie aeree low cost ha cominciato ad essere parte del famoso vocabolario – per garantire che è spesso citato l’esempio di Firenze, Roma o Venezia, ma in tempi recenti altri luoghi, come la Puglia (sud) o la Sardegna subire le stesse conseguenze.

In effetti, se c’è un icona in Italia il turismo vendetta è Venezia. Una città in cui la popolazione locale non cessa di diminuire, fino a 56.000 persone nel centro storico, secondo i dati dell’ufficio di statistica del comune, per circa 33 milioni di turisti ogni anno. Così storico è l’affermazione che il cruise non funziona, quasi letteralmente, nel cuore della città attraverso la Grande Laguna, che un gruppo, chiamato “No Grandi Navi” ha chiamato per un referendum popolare per il prossimo 18 giugno.

Lascia un commento